Lankenauta

Editoriale maggio 2017

Pubblicato il: 8 maggio 2017

Cari soci attuali e futuri, collaboratori, collaboratrici, lettrici e lettori, dopo poco più di un anno dal varo ufficiale del nostro magazine letterario, siamo qui a fare il punto della situazione.

Nell’articolo di esordio, sempre qui su Lankenauta, scrivevo di un “un progetto che, salvo qualche piccolo dettaglio da completare, è giunto a destinazione”. Giunto a destinazione sicuramente, ma in questi mesi “i piccoli dettagli”, anche dal lato tecnico, si sono rivelati parecchi, non sempre preventivati. Possiamo quindi affermare che tutt’ora il nostro è un sito in fase di elaborazione, che di settimana in settimana, appena riceviamo qualche segnalazione o più semplicemente appena ci accorgiamo di qualcosa che non va troppo bene, è sottoposto a qualche modifica, di cui si possono accorgere forse soltanto coloro che lo navigano in lungo e in largo. In questo senso wordpress si è rivelato uno strumento duttile e molto efficace. Tanto per fare un piccolo esempio da circa una settimana, nella pagina dei collaboratori è posta in evidenza la numerazione degli articoli: uno strumento magari banale, che di primo acchito era sfuggito alla nostra verifica, ma indispensabile per tenere sotto controllo la propria attività senza dover fare di conto.

Per quanto riguarda partecipazione e riscontri, nonostante una proliferazione di magazine e blog letterari che crea dispersione e difficoltà nel recepire la qualità dell’offerta, va detto che Lankenauta mantiene un’ottima considerazione tra gli addetti ai lavori. L’attività e il riscontro sui social crescono in stretta relazione con le pubblicazioni e con la diffusione che riescono ad avere, ma questo non deve indurci a scambiare la quantità con la qualità della nostra proposta. Il nostro impegno per la crescita del sito chiaramente non è volto a una mera rincorsa delle novità editoriali, che troppo spesso infesta l’informazione, anche letteraria, in rete.

La partecipazione al progetto Lankenauta è sempre benvenuta, ricordando le nostre linee guida e la modalità d’iscrizione: “Vuoi unirti a noi? Leggi il regolamento, comprensivo di norme sulla privacy; quindi, iscriviti. L’iscrizione è facile e gratuita. Siamo sempre felici di accogliere intelligenze nuove. Qualora volessi approfondire, ti suggeriamo di contattare il presidente dell’Ass. Cult. Lankenauta, Luca Menichetti (lucameni@libero.it), o il caporedattore, Andrea Brancolini (gordian3@gmail.com), ma si ricorda che su questo sito evitiamo di recensire opere pubblicate tramite un contributo dell’autore, dell’autrice (che sia acquisto copie o altro)”. Contatti e richieste di collaborazione che – ricordiamolo – saranno vagliate in presenza di un curriculum, anche se breve.

A proposito poi di Lankelot, lo storico magazine letterario creato e gestito con successo per anni da Gianfranco Franchi e da cui provengono la maggior parte dei nostri collaboratori: era in previsione che il sito andasse definitivamente offline il 19 giugno 2017, ma a causa di noti problemi tecnici (attacchi robot di grande entità e il non aggiornamento del sito, che ci aveva portato al cambiamento di piattaforma) la cosa è avvenuta in maniera improvvisa e non programmata. Non sappiamo se Lankelot potrà riprendere vita per breve tempo, almeno fino al 19 giugno, ma il destino è comunque segnato. In compenso tutti gli articoli presenti sul sito sono stati salvati e gli autori e le autrici degli stessi, nel caso fossero interessati/e, potranno rivolgersi ai nostri redattori per averne copia

Per quanto riguarda i finanziamenti, indispensabili non soltanto per mantenere in vita l’esistente ma per dare corso ai tanti progetti ambiziosi che si erano delineati al momento di archiviare l’esperienza di lankelot.eu, abbiamo in mente alcune iniziative ed entro un mese e dopo aver consultato i soci, sarete informati con tutti i dettagli. Chiaramente chi vorrà aderire come socio all’Associazione Culturale Lankenauta per l’anno 2017 sarà il benvenuto: basterà inviarci una mail (lucameni@libero.it¸ gordian3@gmail.com), per ricevere tutte le istruzioni del caso. D’ora in avanti anche per dare conto di queste iniziative, gli editoriali saranno pubblicati almeno a scadenza quadrimestrale. Adesso che il Presidente dell’Associazione ha più tempo disponibile da dedicare alla gestione del sito, non dovrebbe essere un impegno troppo complicato da mantenere.

Buone letture a tutti.

Lankenauta, 8 maggio 2017

Luca Menichetti

  • Da affezionato lettore, lo dico non per pedanteria ma come se vi parlasse un vecchio amico, preferivo la vecchia versione. Soprattutto a livello di contenuti, probabilmente perché più spinti verso il tempo passato (i miei gusti librari sono orientati al Novecento e non al contemporaneo).

    • Luca Menichetti

      Vero, al tempo di lankelot venivano organizzati anche speciali dedicati ad autori del Novecento. Altra faccenda lankenauta, almeno per il momento. Tra 2016 e 2017, come primo anno di “fondazione”, abbiamo avuto altre priorità: recuperare collaboratori e in primis dare spazio alle novità editoriali. A seguire non è detto che si possa rinverdire qualche sana abitudine del passato.

    • Maria Tortora

      A tal proposito, mi riprometto di recuperare e ripubblicare qui le mie vecchie recensioni lankelottiane.