Schrader Paul

Mishima: Una vita in quattro capitoli

Questa splendida e a tratti frastornante opera di Paul Schrader, regista, sceneggiatore e critico cinematografico statunitense, purtroppo poco nota nonostante la produzione esecutiva di due colossi hollywoodiani quali Spielberg e Lucas, è l’unica rappresentazione di celluloide che indaghi, sia pur nelle sue linee essenziali ma con indubbia maestria e spiccato senso della messa in scena, la vita e l’arte di uno dei maggiori letterati del Novecento. Yukio Mishima, controverso romanziere giapponese, artista a tutto tondo, ha attraversato con le sue opere i primi venticinque anni che seguirono il secondo conflitto mondiale: evento fondamentale...CONTINUA...

Franchi Gianfranco

L’Inadempienza

Una raccolta poetica che si snoda lungo l’arco di dieci anni non è solo esperienza estetica, ma diviene anche percorso esistenziale, presa di coscienza di sé e delle proprie capacità. La poesia di Gianfranco Franchi è figlia di centinaia di influssi diversi, all’insegna dell’eclettismo,della sperimentazione e di una straordinaria capacità d’interiorizzare gli autori: dai grandi classici antichi e moderni (Ungaretti, Campana, Gozzano solo per citarne alcuni) agli artisti rock, soprattutto Ian Curtis. La cultura di Franchi è vastissima ed è il risultato di anni di letture, di studio feroce e di riflessioni che l’hanno portato a...CONTINUA...

Mascheri Paolo

Il gregario

Gregario: componente di una squadra ciclistica che ha il compito di aiutare il caposquadra. Questa una delle definizioni più comuni del sostantivo che dà il titolo al romanzo di Mascheri. Gregario in questo caso è il figlio che, con un amore “da cane fedele” ha sempre seguito il padre, vero leader nella corsa della vita. Ventottenne...CONTINUA...

Nuti Francesco

OcchioPinocchio

Dopo il successo ottenuto con Donne con le gonne, Nuti annunciò il suo progetto più ambizioso, una rivisitazione moderna della favola di Pinocchio. Il film, che avrebbe dovuto tenerlo impegnato per circa due anni, fu programmato per il natale del 1993, ma una lunghissima serie di problemi burocratici, economici e dunque produttivi faranno si che la pellicola esca con un anno di ritardo sulla data stabilita. Concluso tra infinite difficoltà, dovute anche alla brusca interruzione del sodalizio Berlusconi-Cecchi Gori – che producevano film insieme, fino a quel momento – OcchioPinocchio, una volta in sala, non solo non ebbe il successo sperato di pubblico...CONTINUA...

Cerati Carla

La cattiva figlia

“Da quando mia madre è morta ho ripreso ad amare le domeniche…” (p.3) Non è facile inoltrarsi nelle dinamiche famigliari mantenendo lucidità e senza scendere nel sentimentalismo. Carla Cerati riesce a farlo in un romanzo che indaga il rapporto figlia-madre anziana sempre meno autosufficiente. Il riallacciarsi, costretto dalla necessità, di una relazione che s’era fatta, dopo l’infanzia e l’adolescenza, sempre più distratta e lontana, spinge la narratrice Giulia a ripercorrere...CONTINUA...

Moretti Nanni

Sogni d’oro

Come l’illustre predecessore Françoise Truffaut, Nanni Moretti sviluppa, nella prima parte della sua carriera, un alter ego di celluloide, un personaggio che si evolve in più film, un ventenne nell’Italia del riflusso ideologico e della conseguente crisi morale e culturale. Siamo tra la fine dei Settanta e l’inizio degli Ottanta, tempi di grigiore assoluto anche per il cinema nostrano, che ebbe comunque modo di partorire nuovi autori comici in grado di imperversare sugli schermi per tutto il decennio con notevole successo di pubblico. Confuso erroneamente tra loro, il romano d’adozione Nanni Moretti, alias Michele Apicella, è l’intellettuale, quello...CONTINUA...

Almodovar Pedro

La mala educacion

Dopo aver incantato pubblico e critica con le sue due opere a più ampio respiro (Tutto su mia madre, Parla con lei), nel momento più alto della sua brillante carriera Pedro Almodovar portò sul grande schermo un lungometraggio a cui aveva lavorato per circa un decennio. Probabilmente il suo film più sofferto, dalle suggestioni vagamente autobiografiche, La mala education non incontrò il favore della critica e né tanto meno quello del pubblico. In particolar modo per la distanza evidente, nei toni e nei contenuti, rispetto alle opere poco sopra citate, senza dimenticare l’intenso e vibrante Carne Tremula, pellicola immediatamente...CONTINUA...

Crowe Cameron

Quasi famosi

Quattro anni dopo la nomination all’Oscar ottenuta per la regia di Jerry Maguire, e un anno prima dell’uscita nelle sale del remake del film dello spagnolo Amenabar Apri gli occhi (nella versione hollywoodiana affidata a Crowe prese il titolo Vanilla Sky), lo sceneggiatore regista e produttore Cameron Crowe portò sul grande schermo una pellicola quasi autobiografica che racconta la storia di un ragazzo di 15 anni, nei primi anni Settanta, immerso nel mondo magico del rock, al seguito del tour di una band emergente della quale avrebbe dovuto scrivere un pezzo per il celebre magazine Rolling Stone. Vicenda...CONTINUA...

Medem Julio

Gli amanti del Circolo Polare

Julio Medem, regista, sceneggiatore e scrittore di San Sebastian, è forse poco noto oltre i confini della Spagna e la cerchia dei cinefili, nonostante un indubbio senso del cinema - e un amore dichiarato per la settima arte: come tanti grandi registi, Truffaut su tutti, prima che regista fu critico cinematografico - e una originale capacità narrativa. Vinto il Goya (l’equivalente del nostro David di Donatello) con la sua opera prima, Vacas (1992), conquistò l’attenzione internazionale quattro anni dopo con Tierra, per poi consolidare la sua produzione artistica con due opere - più affini tra loro di ciò che una prima visione lascerebbe...CONTINUA...

Nolan Christopher

Il cavaliere oscuro

Ci eravamo lasciati con l’opera che ne raccontava la genesi, con molte licenze rispetto al fumetto senza perdere di vista però quell’elemento che ha reso Batman uno dei fumetti più fascinosi della DC Comics: il lato oscuro. L’eroe della notte, della tenebra, che come marchio porta con sé il proprio incubo primordiale: il pipistrello. E il pipistrello evoca la notte più buia, nell’inconscio di ognuno di noi, quella del vampiro. Certo Batman non è un vampiro, ma come un vampiro abita la notte, è una creatura del buio, dell’ombra, quasi infero. Non proprio le stimmate del classico supereroe, a ben guardare. Nolan, rispetto alla pur geniale ma più ludica – espressionista...CONTINUA...