LV Premio Campiello 2017: Donatella Di Pietrantonio, L’Arminuta, Einaudi

Pubblicato il: 10 settembre 2017

Al Gran Teatro La Fenice di Venezia si è svolta la serata finale della cinquantacinquesima edizione del Premio Campiello. Ha vinto Donatella Di Pietrantonio con L’Arminuta, edito da Einaudi. Per il secondo anno consecutivo a vincere è il romanzo scritto da una donna, dopo La prima verità di Simona Vinci, pubblicato sempre per la casa editrice torinese.

Il risultato finale:

Donatella Di Pietrantonio, L’Arminuta, Einaudi -133 voti

Stefano Massini, Qualcosa sui Lehman, Mondadori – 99 voti

Mauro Covacich, La città interiore, La nave di Teseo – 25 voti

Alessandra Sarchi, La notte ha la mia voce, Einaudi – 13 voti

Laura Pugno, La ragazza selvaggia, Marsilio – 12 voti

 

Ieri era stato assegnato il premio Campiello Giovani, riservato ai ragazzi e alle ragazze tra i 15 e i 22 anni, vinto da Andrea Zancanaro con il racconto Ognuno ha il suo mostro.

A Rosetta Loy è stato assegnato il riconoscimento Fondazione Il Campiello alla carriera.

Il Premio Campiello Opera Prima era stato assegnato a Francesca Manfredi per la raccolta di racconti Un posto dove stare (La Nave di Teseo).