Novità 66thand2nd – Novembre 2017

Pubblicato il: 9 ottobre 2017

2 novembre

Dominique Sylvain – Kabukicho
traduzione Guia Boni – collana b polar – pagg. 192


Luci al neon, locali alla moda, atmosfera sulfurea, di notte Kabukicho è il quartiere più vissuto di Tokyo. E in questo teatro di vizio e seduzione, due personalità dominano la scena: l’elegante Yudai, che lavora come gigolò al Café Chateau, e Kate Sanders, affascinante donna inglese che frequenta come hostess il Club Gaia. Da qualche giorno, però, Yudai non ha più notizie di Kate: lei non legge i suoi messaggi e non risponde al telefono. Lo conferma anche Marie, la ragazza francese con cui condivide l’appartamento: Kate è scomparsa. Nel frattempo a Londra, Jason Sanders, il padre di Kate, riceve sul cellulare un messaggio inquietante: una foto di Kate con gli occhi chiusi, distesa, e un messaggio laconico: «Lei riposa qui». Tra menzogne e pseudo-verità, sarà difficile dipanare i fili di una manipolazione crudele e demoniaca, in cui Kabukicho rimane sempre in primo piano.

***

9 novembre
Dany Laferrière – Diario di uno scrittore in pigiama
traduzione Camilla Diez e Francesca Scala – collana bookclub – pagg. 385

Quello della scrittura è un mestiere da svolgere perlopiù in pigiama, accovacciato sulla macchina da scrivere, senza dimenticare di tanto in tanto di fare una pausa e immergersi in una vasca da bagno per dedicarsi alla lettura. «Leggere, leggere, leggere» è infatti il primo e fondamentale consiglio che Laferrière dà agli aspiranti scrittori. A cui se ne aggiungono molti altri in un manuale lungo 182 lezioni in cui l’autore, in bilico tra finzione e realtà, passa in rassegna ogni passaggio, ogni tappa che caratterizza il percorso di uno scrittore. I concetti sono esplicati mediante metafore, e i modelli sono i grandi del passato e del presente rievocati con la stessa disinvoltura con cui si parlerebbe di un amico. Laferrière infatti non si considera né uno scienziato né uno studioso, ma un dandy, un esteta appassionato che vede nella scrittura una «festa intima» a cui tutti sono invitati.

***

16 novembre
Roland Lazenby, Showboat. La vita di Kobe Bryant

traduzione Riccardo Vianello – collana Vite inattese  – pagg. 736

Kobe Bryant e l’uomo degli 81 punti in una partita, il terzo marcatore nella storia del basket americano, il cestista più affascinante e spettacolare degli ultimi vent’anni. L’erede di sua maestà Michael Jordan, eterna pietra di paragone. Ma Bryant e anche l’ex spalla del gigante Shaquille O’Neal, amico e rivale, che incontro Kobe il giorno in cui sbarco tra i pro, a diciassette anni, e lo ribattezzo ≪Showboat≫ per le sbruffonerie e la voglia di mettersi in mostra a ogni costo. Il pubblico imparerà presto a conoscerlo come ≪the Black Mamba≫, per i tiri impossibili, letali, con cui vinceva le partite. A un anno dal ritiro di Bryant, Roland Lazenby ripercorre la sua avventura dentro e fuori dal campo, dall’infanzia trascorsa in Italia, dove giocava il padre Joe ≪Jellybean≫, al rapporto contrastato con il guru della panchina Phil Jackson. Dall’accusa di stupro, che ne incrino l’immagine all’alba dei primi trionfi, alla resurrezione con la maglia gialloviola dei LA Lakers, che guido alla vittoria di cinque titoli Nba. Come Magic Johnson. Solo uno meno di Jordan.