I giorni della nepentecswcswBOOKMOBII&&Z%4MOBI*S| @EXTHdandrea brancoliniiLetteraturag

“«Ascoltate! Anche adesso la stoltezza vi serra le palpebre, mentre desiderate secondo il dettame della merce! Ma è la città stessa che soccombe al Sommo Tempio, convinta che saranno sempre altri a cadere nell’abisso, e …

j'Mar, 04 Apr 2017 02:47:56 +0100p)http://www.lankenauta.it/?p=10265eLankenautafI giorni della nepente

“«Ascoltate! Anche adesso la stoltezza vi serra le palpebre, mentre desiderate secondo il dettame della merce! Ma è la città stessa che soccombe al Sommo Tempio, convinta che saranno sempre altri a cadere nell’abisso, e folle concima la Nepente, fino algiorno in cui ne sarà divorata. In verità vi dico: chi vive da insetto morirà da insetto»” (pag. 25)

I giorni della nepente è l’opera d’esordio di Matteo Pascoletti, uscita per effequ nel 2015. La trama, il cui innesco è un fatto violento, si dipana in più direzioni, mostrando una fitta rete di relazioni entro cui si muovevano e muovono i personaggi. Lorenzo, tossico, uccide Paola, pensionata, in un tentativo di scippo, e Mauro, insegnante precario figlio della donna, uccide a sua volta Lorenzo coadiuvato da un nugolo di persone. Giulia è la ragazza di Mauro, che convive con lui e viene picchiata da lui. Giulia è stata ex di Lorenzo, e ora è amante di Angelo, giornalista che indagherà sulla vicenda. A fare da sfondo, una città di provincia e quella voglia di pettegolezzo, di protagonismo, di polemica violenta e violenza qualunquista che si aggira ovunque.

Il libro, come una sorta di tragedia, è diviso in simil-atti, con parti coreutiche che fanno da intermezzo e che danno spazio a tutte quelle voci che commentano a vario titolo i fatti: articoli, editoriali, dichiarazioni di avvocati, commenti in rete, intervista a chi ha ripreso la scena col cellulare e così via. Una replica cartacea del nostro guardare la tv, i programmi pomeridiani o notturni sui fatti di cronaca nera, del nostro leggere quotidiani, del nostro cercare le notizie e del nostro commentarle.

L’autore sperimenta molti stili di scrittura: se nei cori la brevità dei vari testi fa notare bene la diversità dei registri adottati, nelle altre parti la narrazione è ora in terza persona, ora in seconda, ora in prima. Tutta questa varietà però non confonde chi legge, ma lo accompagna, segno che chi scrive sa bene cosa fare e come farlo.

Abbiamo così da una parte le persone, i protagonisti, e dall’altra il mondo esterno, l’altro, noi; si ha la possibilità di vedere cosa nascondono i commenti da bar e i plastici delle trasmissioni tv, si ha quel racconto della “gente comune” che sembra presente in ogni dove e che sfugge continuamente nell’inseguimento del pettegolezzo, del particolare che non rende il tutto (perché è il particolare che ci differenzia, perché il tutto è il nostro essere umani). Leggiamo e è facile prendere le parti dei protagonisti, ma fermandosi anche solo un momento ci accorgiamo di quanto spesso, invece, si faccia da coro, si contribuisca a un clima che rende la violenza sempre più accettabile, anche se poi deprecata.

“«Ma poiché scegliete d’essere ciechi, voi vivrete la condanna e nessuno intenderà la colpa!

Chi reputa inutile il dolore nel dolore morirà.

Chi per ira s’acceca non sarà padre, ma nemesi e vittima di sé.

Chi seguirà la falsa luce nelle tenebre riconoscerà l’errore.

Chi giudica le piaghe dei suoi fratelli resterà muto sullo scranno.

E voi, che nel numero vi obliate, voi siete già morti, e nulla ho da dirvi!»” (pag. 34-35)

Dopo le parole del Profeta, non resta che la lettura.

FLIS00 00 00 0800 4100 0000 00 00 00ff ff ff ff00 0100 0300 00 00 0300 00 00 01ff ff ff ffFCIS00 00 00 1400 00 00 1000 00 00 0100 00 00 0000 00 10 3400 00 00 0000 00 00 2000 00 00 0800 0100 0100 00 00 0039184007