Le professoresse meccaniche e alcx ?cx ?BOOKMOBI]9:[((/MOBI'.Yt4 @EXTH|dmarina monegoiLetteraturag

La scuola, si sa, è una grande struttura con pregi e difetti, lenta a mettersi in moto, difficilissima da riformare e da gestire, a volte sembra un grande labirinto pieno di trabocchetti e popolato da …

j'Mar, 09 Lug 2019 16:22:58 +0100p*https://www.lankenauta.it/?p=17765eLankenautafLe professoresse meccaniche e altre storie di scuola

La scuola, si sa, è una grande struttura con pregi e difetti, lenta a mettersi in moto, difficilissima da riformare e da gestire, a volte sembra un grande labirinto pieno di trabocchetti e popolato da un’umanità assai eterogenea. Studenti, insegnanti, genitori: tutte componenti estremamente suscettibili, capaci di contrastarsi a vicenda con pertinace ferocia oppure di creare relazioni educative proficue, in grado di segnare vite intere.

Trattandosi di risorse umane è molto difficile valutarle, racchiuderle in giudizi sintetici o valutazioni, è un universo polimorfo e variabile. Proprio qui Lentini ambienta i suoi racconti e ci trasporta in scuole particolari.

In una scuola si insegna il silenzio, in un’altra sono state realizzate tre professoresse meccaniche, che devono sostituire quelle in carne e ossa, morte nei bombardamenti di una lunga e misteriosa guerra, e poi ci sono professoresse volanti, scuole in miniatura, lezioni di buio, una strana scuola per bambini prodigio.

I racconti di Alfonso Lentini, tutti incentrati sulla scuola, ce ne parlano in modo non realistico, ma fantastico, ironico, visionario, trasfigurando quel mondo e forse dando voce a incubi per esorcizzarli.

Ecco allora che le materie d’insegnamento sono: Lucore Lunare, Brividologia, Cromatismo Morale, Canto Inverecondo, Santità Ancestrale, Lingua Lillipuziana, Metafisica Elettrica.

In questa scuola d’invenzione succedono fenomeni straordinari, gli insegnanti hanno a volte caratteristiche mostruose, non umane: sono robot oppure hanno aspetto animalesco o possono essere costituiti da una sola testa gigante. Nulla è “normale”, usuale, né dentro le mura scolastiche, né fuori visto che in cielo possono esserci sei o sette soli e sono scoppiate guerre lunghissime.

Eppure, fra le righe, compaiono frequenti allusioni, più o meno aperte, agli eterni problemi della scuola: una burocrazia mastodontica e intralciante, l’età avanzata degli insegnanti, la carenza cronica di fondi, il bullismo, la mancanza di disciplina degli studenti.

E poi l’emigrazione dei giovani, l’ignoranza del paese, la sua perdita della memoria storica, la distruzione del pianeta da parte dell’uomo.

Lentini ci fa divertire e nello stesso tempo è ironicamente tragico (basti pensare alla vicenda di “Finale”, dove un professore non convenzionale diviene vittima innocente dei suoi allievi) oppure straordinariamente fantasioso, a volte fiabesco.

Si sente che è un autore abituato a sperimentare, non solo con la scrittura, ma con le arti visive.

Tra le storie più belle quella eponima, che apre la raccolta, con le tre irresistibili professoresse meccaniche Leprottina, Padellina e Pallotta, e i riferimenti grotteschi a Leopardi; “Il crocifisso”, che ci presenta la vita scolastica dal punto di vista del crocifisso appeso in classe, ormai ridotto a un povero oggetto che nessuno guarda più, anche se lui vede tutto; la tragicissima “Finale”.

Una vera chicca è costituita da “Il convertitore”, una deliziosa novella di derivazione buzzattiana che si ispira alle “formiche mentali”, direi una delle più belle in assoluto.

“Il paradiso delle zebre” è invece una sorta di incubo di un professore durante il primo giorno del suo trentaseiesimo anno scolastico. Nonostante l’annosa esperienza, l’ingresso nella scuola si rivelerà una sorta di odissea. A mitizzare il tutto contribuiscono, qui e altrove, nomi mitologici di alunni e bidelli.

Alcune prose brevi si alternano a narrazioni più lunghe, vi sono brani evocativi come quello delle professoresse volanti: sembra di vederle librarsi nel cielo con la borsa a tracolla, mentre battono le ali e chiacchierano tra di loro in una lingua incomprensibile, non ancora del tutto decifrata. Del resto, per sopravvivere agli allievi e al mondo scolastico, non bisogna forse essere creature fuori dal comune e dotate di capacità straordinarie?

Un libro certamente indicato per insegnanti ancora capaci di essere autoironici e di sorridere e per chiunque abbia contatti col mondo della scuola. Ottima lettura estiva.

FLIS00 00 00 0800 4100 0000 00 00 00ff ff ff ff00 0100 0300 00 00 0300 00 00 01ff ff ff ffFCIS00 00 00 1400 00 00 1000 00 00 0100 00 00 0000 00 14 0700 00 00 0000 00 00 2000 00 00 0800 0100 0100 00 00 0039184007