Singolare femminile. PerchУЉ le cќYйcќYйBOOKMOBIги2€ffюHЙˆMOBIш§щgЛrЄџџџџџџџџџџџџџџџџџџџџџџџџџџџџџџџџџџџџџџџџЌ: @џџџџEXTHДdMaria TortoraiLetteraturag

Tacita, Penelope, la Mite, le Sirene, Difred, Maria. Attraverso i silenzi incarnati da queste sei figure femminili, Nicoletta Polla-Mattiot ci conduce attraverso un singolare e affascinante viaggio all'interno del silenzio o, meglio, del "tacere femminile". т€І

j'Lun, 13 Gen 2020 08:45:12 +0100p*https://www.lankenauta.it/?p=18847eLankenautafSingolare femminile. PerchУЉ le donne devono fare silenzio

Tacita, Penelope, la Mite, le Sirene, Difred, Maria. Attraverso i silenzi incarnati da queste sei figure femminili, Nicoletta Polla-Mattiot ci conduce attraverso un singolare e affascinante viaggio all’interno del silenzio o, meglio, del “tacere femminile. Un tacere che può avere molte forme, molte sfumature, molti significati e molte radici. Numerosi luoghi comuni, sopravvissuti attraverso proverbi e modi di dire, si tramutano facilmente in convinzioni e certezze collettive. E, fin da subito, l’autrice ci pone al cospetto di una miriade di motti, più o meno antichi, da cui si ricava “la facile equivalenza tra donne e silenzio. Le femmine devono fare silenzio, come si afferma (e, notate bene, non si domanda) nel sottotitolo di questo breve ma notevole libro, perché troppo spesso il loro dire è fin troppo superficiale e vacuo, privo di giudizio e misura, senza controllo e senza senno.

Le donne, per il ruolo la società ha imposto e spesso ancora impone, devono mantenersi buone figlie, buone mogli e buone madri. Ciò implica, necessariamente, un tacere come “destino storico e di genere“. Grandi scrittori come Tasso o Boccaccio o Hugo si sono spesi per sottolineare la mutevolezza femminile, l’incostanza di pensiero e di umore. “Chi crede a una donna, costui crede e inganna, avverte Esiodo e se ne sente ancora l’eco nel diffuso proverbio toscano: Non credere a donna quand’anche sia morta. È risaputo che le donne parlino sempre troppo ed è risaputo perché fin dai tempi di Omero ogni donna di buoni costumi deve tenere a freno la lingua. Da Omero a tempi più recenti certi atteggiamenti sembrano immutati: “lo stesso assunto si ritrova in uno dei tanti manuali della buona sposa, datato 1955“. Oggi ci si accontenta, in titoli e commenti, di qualche battuta dal sapore sessista ma che di certo è radicata in queste millenarie e rocciose convinzioni.

Il mito di Tacita Muta racchiude, come in una fiaba, la nitida morale di un silenzio imposto come condanna. Il passaggio di Tacita da donna ciarliera e pettegola a dea che protegge dalle maldicenze è esemplare. Lara o Lalla è una naiade “incapace di tenere l’acqua in bocca“, una creatura che parla, racconta e avverte scatenando la furia del solito Giove che, guarda caso, la punisce per aver spifferato fatti che avrebbe dovuto tacere. Lara o Lalla perde la lingua e viene affidata al dio Mercurio affinché la conduca presso la palude degli inferi. Mercurio, però, la violenta certo che la naiade non avrebbe potuto gridare. Lara o Lalla diventa Tacita e partorirà due gemelli divini, “numi che tutelano il perimetro domestico, entro cui ogni donna deve stare“. Tacita diventa la dea del silenzio, protettrice dalla calunnia. La Polla-Mattiot ci pone quindi di fronte a tutte le donne senza volto e senza nome, molteplici incarnazioni di Lara, che nella storia del mondo non hanno avuto diritti: “La privazione di voce non riguarda solo la dimensione del dire, la comunicazione di quel che si pensa o sente. L’assenza è più profonda e precede la facoltà di parola. Esiste una sorta di insonorizzazione culturale delle istanze singolari e identitarie, che condanna all’insignificanza il particolare e il personale“.

Il silenzio imposto è un controllo, un controllo che si concretizza in una mutilazione: possedere l’altro amputando la sua volontà. Violenza, percosse, torture cannibalizzano e assoggettano. “Di qui a difficoltà di ribellarsi e difendersi, denunciare, uscire dal silenzio“. Nel mondo le donne che hanno subito violenza almeno una volta nella vita raggiungono la percentuale del 35%. Una quantità sconcertante. Nel capitolo dedicato a Difred, protagonista de “Il racconto dell’ancella” di Margaret Atwood, viene citato anche l’inquietante e bellissimo testo teatrale di Agota Kristof, “La chiave dell’ascensore”, scritto nel 1977 e pubblicato da Einaudi qualche anno fa. Le opere letterarie servono a Nicoletta Polla-Mattiot, in tutto lo sviluppo di “Singolare femminile”, per descrivere e scandagliare i silenzi femminili: attraverso donne inventate diventa forse più facile arrivare alle donne reali.

I silenzi delle donne, però, non sono solo quelli ottenuti con la forza o con la sopraffazione. Ci sono anche i silenzi cercati e desiderati poiché lo spettro del tacere è più ampio e complesso di quanto possa apparire. Per questo l’ultima parte di “Singolare femminile” racconta Maria, la madre di Cristo. Il suo silenzio è una scelta consapevole e fondamentale. Le parole per spiegarlo nel profondo sono quelle di Luce Irigaray: “le labbra di chiuse di Maria sono come mani giunte, il necessario raccoglimento di sé con sé […] Il silenzio di Maria non è assenza di parole ma riserva di parole“. Per giungere alla scelta del silenzio è necessario però un rispetto profondo e una relazione autentica con sé e con gli altri.

FLIS00 00 00 0800 4100 0000 00 00 00ff ff ff ff00 0100 0300 00 00 0300 00 00 01ff ff ff ffFCIS00 00 00 1400 00 00 1000 00 00 0100 00 00 0000 00 18 8800 00 00 0000 00 00 2000 00 00 0800 0100 0100 00 00 0039184007