Monteverde - Intervista a Gianfrd5d5BOOKMOBIzDD#D%&(&"MOBI^4, @EXTHdmarina monegoiLetteraturag

Dopo la lettura di Monteverde mi sono sorte alcune domande, che ho puntualmente rivolto all’Autore e che adesso condivido con voi. MM: Riguardo la struttura di Monteverde, io ho definito gli Interludi una sorta di “basso …

j'Mer, 20 Mag 2009 21:18:17 +0200p(http://www.lankenauta.it/?p=4849eLankenautafMonteverde - Intervista a Gianfranco Franchi
Dopo la lettura di Monteverde mi sono sorte alcune domande, che ho puntualmente rivolto all’Autore e che adesso condivido con voi.

MM: Riguardo la struttura di Monteverde, io ho definito gli Interludi una sorta di “basso continuo”, non una vera cornice, ma certamente un buon accompagnamento per i racconti. Con questa struttura volevi in qualche modo riaccostarti alla tradizione letteraria italiana della novella?

GF: Decisamente. Ideando l’opera – la struttura dell’opera – avevo in mente di restituire centralità alla tradizione italiana (non nordamericana: niente short stories) della novella. Mi piaceva pensare che una raccolta di racconti strutturata nel rispetto di precisi equilibri e corrispondenze potesse offrire reminiscenze calviniane o boccaccesche: volevo fosse un ideale passaggio di testimone.

Questo non significa che mi sentissi all’altezza della tradizione o almeno degno della tradizione: significa soltanto che volevo rivendicare e ribadire la tradizione, mantenerla in vita, dimostrare che niente è andato perduto. Almeno: a livello strutturale. Dobbiamo essere orgogliosi della storia della nostra Letteratura Italiana. Non siamo secondi a nessuno.
MM: Guido rimpiange certi aspetti del passato o forse il suo è solo uno sguardo di rimpianto alla giovinezza trascorsa, che lascia spazio all’età adulta. E per il futuro che cosa si propone Guido? Che cosa progetta e sogna?
GF: Guido rimpiange il passato? Dipende. Preferisco pensare che Guido stia ricordando il passato; e che non abbia importanza che la giovinezza sia finita. Rimpiange cose diverse; l’era dei vinili e dei Cd, nella musica; nel calcio, l’era delle partite alla domenica alle 15; nei sentimenti, l’età dell’incoscienza. Rimpiange, fondamentalmente, cose materiali, rimpiange appuntamenti e riti spariti nel nulla, rimpiange abitudini che ha dovuto perdere e non aveva intenzione di perdere. Questo sì.
Per il futuro, sogna la rivoluzione culturale e sogna nuova tutela contrattuale, come la maggioranza assoluta degli umanisti e dei letterati.  Vogliamo che il nostro ruolo sia riconosciuto e rispettato e tutelato. Non vogliamo essere abbandonati a noi stessi, alla nostra capacità di inventarci l’esistenza. All’arte della sopravvivenza. Guido non domanda l’impossibile, domanda giustizia e rispetto delle leggi. E coscienza delle tradizioni: letterarie, in primis. Politiche, infine.
MM: Recentemente mi  sono confrontata con una scrittura di viaggio, la tua invece è una scrittura stanziale, sembra poter nascere solo a casa propria. Guido non ama gli spostamenti, oppure viaggia solo attraverso musica e poesia? Il rapporto scrittura-casa…
GF: Guido, come me, soffre molto gli spostamenti e i viaggi. Io non sono un nomade – detesto i nomadi, per me sono parassiti – e non credo nella cultura del viaggio. Non credo proprio che viaggiare significhi crescere o migliorarsi. Significa, nella nostra società, distrarsi, divertirsi, fare esperienza. Non c’è niente di iniziatico: quasi mai, o quasi per niente. Viaggiare significa, spesso, scappare. Io non scappo, io la vita la fronteggio. Combatto e sogno e amo. Non ho paura di soffrire o di star male. Il male lo odio, lo voglio distruggere. Quando le cose vanno male, preferisco tenere la posizione. Probabilmente soffro i viaggi anche per colpa dei nuovi mezzi di spostamento. Un viaggio vissuto con lentezza, assaporando i passaggi e le trasformazioni poco a poco, con dolcezza, aveva altro senso, altri significati. Ne derivava altra consapevolezza. Adesso è questione di qualche ora, nemmeno te ne accorgi e ti ritrovi catapultato in un’altra città. Non mi diverte, questa cosa. Non è umana. Non è mia. A me piace stare in mezzo alla mia gente. In generale, credo che i tempi degli esseri umani siano ben diversi da quelli degli attuali mezzi di trasporto. Il treno e l’aereo sono troppo veloci per i miei gusti. Sono robotici. Non ho simpatia nemmeno per le macchine. Succede. A questo aggiungi che ho molto rispetto per gli altri popoli: soprattutto per quei popoli che si ritrovano a dovere essere ospiti senza aver domandato visite dei forestieri.
Da romano, costretto alla coesistenza coi turisti – e a vivere in una città-parco dei divertimenti, con tanto di prezzi turistici – non sono particolarmente entusiasta del fenomeno del turismo di massa, del viaggio come diversivo o intervallo. Non credo che si possa capire una città vivendola per sette giorni. Non credo che abbia proprio senso.
Non mi emoziona l’idea di dormire tre giorni a Parigi e di camminare per i boulevard. Se mai andrò a Parigi sarà perché qualcuno mi vorrà avere al suo fianco, e nella sua casa, per un buon lasso di tempo. Non mi sentirò ospite e non mi sentirò sgradito. Altrimenti, Parigi la inventerò e la vivrò leggendo letteratura. Preferisco così. Stesso discorso vale per Londra o per Berlino. Andrò come cittadino romano, monteverdino, e non come turista. Il turismo lo faccio nella mia terra,
nelle nostre regioni italiane, preferibilmente nei paraggi di Roma o di Trieste, le mie città, o in quelle dei miei fratelli letterati. I soldi così rimangono a casa. E’ il caso di dare una mano ai nostri compatrioti. A tutti i livelli.
MM: Guido non nasconde di provare rabbia e frustrazione, specie per il lavoro. Questi sentimenti incidono nel sorgere e nello svilupparsi della scrittura? Ne sono a volte un motore?
GF: Come tutti gli altri sentimenti. Non so se esista una gerarchia. So che quando sono felice ho difficoltà a scrivere narrativa. Adesso non ne scrivo da due anni, “New Order” (l’attuale “Monteverde”) è stato scritto nel 2007. Mi sono dedicato ad altre cose. A leggere, a vivere, a mangiare meglio e a stare con la mia compagna e i miei amici, ad ascoltare buona musica e guardare qualche buon film; a scrivere un saggio e qualche centinaio di articoli. La rabbia, la malinconia, la frustrazione mi accompagnano più spesso nella creazione di narrativa, questo è vero. assieme a una strana forma di ironia. E’ come se mi divertissi a prendere per il culo tutti – me stesso per primo – per non ammettere certe cose, oppure per dirle con maggiore chiarezza. Un giorno mi piacerebbe scrivere soltanto cose divertenti, solo grottesche o satiriche. Mi piacerebbe far ridere la gente e basta, dare loro un po’ di allegria, di voglia di vivere, di tornare a essere umani. Chissà. Ci provo.
MM: Alla fine del libro ci sono i Diritti dei  Letterati. Vi sono anche dei
doveri? Quali?
GF: L’onestà, la consapevolezza, lo studio, la coscienza della propria tradizione letteraria; la battaglia contro la grande editoria, al fianco della piccola e media editoria di qualità e di progetto; la battaglia per una riforma della distribuzione e della promozione libraria; per una stampa – e una critica – estranea all’industria del libro. E via dicendo.
Più di tutto: la coscienza dell’italianità. L’Italia è solo questo: una magnifica lingua letteraria. Sono italiano soltanto in questo senso. Ma totalmente e mostruosamente italiano. Tengo a ribadirlo.
MM: Ecco, qui, un saluto e in bocca al lupo per le prossime presentazioni.
Marina
GF: grazie a te. Crepi il lupo. Lunga vita alle patrie lettere.
Intervista apparsa su lankelot.eu nel maggio 2009
FLIS00 00 00 0800 4100 0000 00 00 00ff ff ff ff00 0100 0300 00 00 0300 00 00 01ff ff ff ffFCIS00 00 00 1400 00 00 1000 00 00 0100 00 00 0000 00 22 8a00 00 00 0000 00 00 2000 00 00 0800 0100 0100 00 00 0039184007