AssunzionecncnBOOKMOBI^DqMOBIg׸| @EXTHdandrea brancoliniiLetteraturag

Assunzione è il titolo di un piccolo libretto edito da Via del Vento (che pubblica solo piccoli libretti, da 25 anni), Assunzione è anche il titolo del primo dei due racconti che lo compongono, Assunzione …

j'Gio, 23 Giu 2016 14:46:07 +0200p(http://www.lankenauta.it/?p=5200eLankenautafAssunzione

Assunzione è il titolo di un piccolo libretto edito da Via del Vento (che pubblica solo piccoli libretti, da 25 anni), Assunzione è anche il titolo del primo dei due racconti che lo compongono, Assunzione è il primo racconto edito di Samuel Beckett, pubblicato sulla rivista francese «transition» (che ospitò numerosi brani del Work in progress di Joyce), nel 1929. Inizia così: “Avrebbe potuto gridare oppure no.” (pag. 3) (“He could have shouted and could not.”). Arrivato a questo punto, per chi conosce un po’ l’opera dello scrittore irlandese, potrei pure fermarmi, perché come scrive Gabriele Frasca nella bella postfazione “Eccolo qui, insomma, il signor Beckett, che ci regala in prima battuta, con la sua prima battuta, il marchio di una fabbrica capace di restare produttiva e febbrile, con le sue sagaci emissioni di foschia, per sessant’anni esatti. […] Del resto, a dare uno sguardo agli specchietti retrovisori, la strada che si ha alle spalle non è sempre esattamente quella che ha condotto dove si è?” (pag. 23). Oppure no. Il secondo racconto contenuto in questa mini-raccolta si intitola Un caso su mille, e comincia così: “Il medico-chirurgo Bor aveva operato con pieno successo un ragazzo di nome Bray che gli era stato portato per una malattia alle ghiandole tubercolari del collo, quando il ragazzo sembrò mostrare un’incomprensibile tendenza al peggioramento, ed effettivamente iniziò a peggiorare.” (pag. 10). Anche questo apparve su rivista, «The Bookman», nel 1934. Entrambi i racconti sono stati pubblicati per la prima volta in Italia in questo volume del 2009. Come è cambiata la scrittura di Beckett nei cinque anni che li separano?

L’autore ha scritto molto, variando dalla poesia (Oroscopata) alla saggistica (Proust) alla narrativa (Più pene che pane) ai primi tentativi di teatro (Le kid), poi arriva Un caso su mille, appunto, e l’anno dopo Murphy, che uscirà nel 1936. La prosa scorre più leggera senza aver perso in densità, la tecnica si è fatta matura e gioca con assenze e silenzi. Se Assunzione era un esperimento, più che un esercizio, in cui sembrava confluire tutto ciò che Beckett sentiva di dover dire, Un caso su mille assomiglia più a un esercizio, prodromico alle future opere. In un quinquennio la sua scrittura ha preso una direzione. Il giovane che alla fine degli anni ’20 ha cominciato a lavorare con Joyce e che sotto la spinta di quest’ultimo si è trovato a scegliere tra la via accademica cui sembrava brillantemente destinato e quella letteraria (significativo il fatto che, insieme a Assunzione, su «transition» fosse stato pubblicato anche un suo saggio, scritto su invito del più anziano connazionale, dal titolo Dante… Bruno. Vico… Joyce) ha deciso.

Il contenuto stesso dei racconti sembra rispecchiare tale scelta. Dove nel primo il protagonista “Se ne stava spaventato nel silenzio della sua stanza, spaventato da quel selvaggio impeto ribelle che aspirava violentemente a farsi suono. […] Nel frattempo il mare di silenzio imprigionato in quel corpo riusciva a consumarsi in piccole quantità di suono, come foglie che cadendo, minassero il doloroso vigore di un albero in un crudele autunno senza vento. […] Eppure rimaneva in silenzio, ascoltando muto il lieve mormorio di quel torrente che prima o poi l’avrebbe travolto.” (pag. 5-6) e trovava la sua “liberazione” nella Donna, nel secondo i personaggi si muovono tra silenzi che arrivano e passano “Così rimasero per qualche tempo in silenzio, sforzandosi di comunicare con le loro menti. Poi ambedue smisero e si separarono.” (pag. 17), tra parole di “qualcosa di così banale e intimo che non ha certo bisogno di venir qui esaminato, ma dalla cui spiegazione, il dottor Nye, quell’uomo triste, si aspettava grandi cose.” (pag. 18). Dove nel primo è la lotta, tutta interna, per l’espressione della parola, nel secondo quel combattimento è terminato, e i sensi si volgono a ciò che li circonda (a ciò che circonda l’espressione della parola).

Assunzione è un piccolo libretto, in somma, che, come spesso accade per le pubblicazioni di Via del Vento, offre una visione diversa di autori e autrici più o meno conosciute, punta i riflettori su zone della loro produzione inedite nel nostro paese, ce li/le fa scoprire/amare/odiare.

ab, giugno 2016

FLIS00 00 00 0800 4100 0000 00 00 00ff ff ff ff00 0100 0300 00 00 0300 00 00 01ff ff ff ffFCIS00 00 00 1400 00 00 1000 00 00 0100 00 00 0000 00 16 1100 00 00 0000 00 00 2000 00 00 0800 0100 0100 00 00 0039184007