Martinelli Mario

Dalla vita di un jobrero

Pubblicato il: 13 Maggio 2010

Un raggio di sole sbuca dal primo mattino. E va a indorare le taglienti vette delle Dolomitine. Pone in risalto i diedri, i pinnacoli, i canaloni, frammentandoli in ombre e sfavillanti riflessi di nevai. Un fascio di luce che si fa strada nel velo opaco dell’umidità per immortalare quel miracolo della natura”. (p.109)

Tra monti di grande bellezza, a diretto contatto con la natura, vive il jobrero (abitante di Obra in Vallarsa) Mario Martinelli, che in questo libro si racconta direttamente in prima persona.

Il testo, nato su sollecitazione di amici e lettori che desideravano conoscere nei dettagli la vita montanina, narra con grande semplicità le giornate e le stagioni dell’Autore, che conduce un’esistenza spartana, addirittura monastica con ampi spazi dedicati al silenzio, alle passeggiate, alla lettura e alla meditazione. A fargli compagnia le fedeli capre – la preferita è la Vida, capra camosciata – e qualche amico di vecchia data.

La narrazione segue il ritmo delle stagioni – si va dal freddo e lungo inverno alla primavera segnata da sprazzi di neve – ed è semplice e appassionata, ricca dell’amore per la propria terra e i suoi abitanti, per quel paesaggio noto fin dall’infanzia, che ha costituito lo sfondo per tante avventure.

Ricordi riappaiono a far compagnia all’Autore nelle lunghe giornate piovose o nebbiose, quando si sta bene in casa, al calduccio della fornela: sono avventure adolescenziali, le prime ascensioni alla cime, i giochi pericolosi con i residuati bellici che ancor oggi si possono trovare tra i sassi.

Schietti e riservati sono gli abitanti della Vallarsa, non amano i turisti, custodiscono una saggezza fondata sugli antichi proverbi e non disdegnerebbero un ritorno dell’orso nella loro valle, un tempo chiamata Vallorsa. Auspicano che la presenza del plantigrado contribuisca a tener lontane presenze estranee moleste e invadenti.

Anche il maltempo è accolto con piacere dal narratore, proprio perché tiene calmi e fermi gli esseri umani ed è più vario e movimentato delle giornate soleggiate e, in fondo, tutte uguali.

Martinelli si presenta come fautore di uno stile di vita alternativo, lento e meditativo, lontano da nevrosi e ansie cittadine, a diretto contatto con una natura madre benevola e generosa.

Leggendo le sue pagine viene alla mente un detto degli antichi Padri del deserto: “Fuge, tace, quiesce!”

La sua parola d’ordine è “accettazione totale” di quel che succede, è essenzialità, silenzio, contemplazione e ringraziamento per tanta bellezza che lo circonda in ogni momento.

La meditazione non è altro che il coraggio di stare silenziosamente da soli” (p.25).

La via della pigrizia richiede una capacità di rilassarsi nella letizia del vivere e basta”. (p.98)

È questa via che Martinelli incarna, è un desiderio di essere tutt’uno con la natura, di gridare la propria gioia per esserci, per “esistere semplicemente” e far parte dell’universo.

Un altro sistema per sentirsi appagati consiste nell’osservare quel che ci viene propinato ogni santo giorno e quindi dirsi: questo è proprio ciò che io desideravo. È un metodo molto in uso tra i monaci zen ed è considerato infallibile. E, ovviamente, del tutto gratuito”. (p.100)

Dai ricordi disseminati qua e là nel libro si ha la sensazione di trovare in Martinelli un uomo che ha vissuto due vite e che ha trovato, dopo anni, un equilibrio nuovo e felice ritornando – dopo parentesi di vita cittadina – alle proprie origini, al luogo da cui era partito.

Suggestiva è la sua iniziale presentazione come “custode dei sogni” dei suoi compaesani: lo scrittore attende l’alba tra i monti e osserva le case di Obra e la natura attorno, meditando e sentendosi “attraversato dalla vita come una canna di bambù”. Ascolta la vita, le speranze, le illusioni, i timori e gli incubi dei montanari e invia loro l’energia positiva del primo mattino.

Guardiano dei sogni, certamente una presenza benvoluta a Obra.

Articolo apparso su lankelot.eu nel maggio 2013

Edizione esaminata e brevi note

Mario Martinelli(1962) scrittore e montanaro di Obra in Vallarsa.

Mario Martinelli, Dalla vita di un jobrero, Trento, editrice La Grafica 2008. Con disegni dell’Autore.

Approfondimento in rete: Mario Martinelli