Categoria: letteratura italiana

Dezio Francesco

La meccanica del divano

“Hai ragione amò” gli dissi. “Senti, e libreria?”. “Scusa ma a che serve la libreria, mi fa, nessuno di noi due legge”. “Sì ma la parete va riempita con qualcosa, mettiamo dei quadri, appendiamo delle piante, che ne so!”. “Ok vada per la libreria!”, mi fa” (pp.198). Questo breve dialogo, indizio di una terrificante ignoranza, rivela con chiarezza una delle tante situazioni, quelle raccontate ne “La meccanica del divano” di Francesco Dezio, dove, continuamente intrecciati, il comico, il...CONTINUA...

Teti Ranieri

La vita impressa

Imprimere la vita sulla carta, imprimerla con le rotative della stampa, occuparsi della scrittura poetica, come centro nodale di esperienze ai limiti della conoscenza, nascondere segreti in pagine lucide ma appassionate, vive e vibranti di quella passione che Ranieri Teti ha saputo e sa irradiare, attraverso il Premio Lorenzo Montano, per esempio, di cui è uno dei cofondatori, in cui l’ufficio è entrare nelle scritture altrui. Bisogna farlo con discrezione come meritano tutti i libri, in special modo i libri belli, come questo suo “La vita impressa”, edito da Book Editore nel marzo del 2022...CONTINUA...

CODAZZI PAOLO

LO STORIOGRAFO DEI DISGUIDI

Lo storiografo dei disguidi è una raccolta di racconti vari, legati da un filo conduttore per lo più stilistico, ma certo anche tematico. Forbita e ricercata nelle forme, conduce quasi musicalmente lungo un percorso sinuoso, fatto di personaggi e storie attinti dalla quotidianità – principalmente toscana, come l’autore. Un percorso che direi essere tutto all’impronta di una misura di “stranezza” o a volte di eccentricità (e provocatorietà intellettuale) delle situazioni, che verrebbe da definire manganelliane...CONTINUA...

Marcacci Otello

Nottambuli a Cena

Un romanzo di formazione ma al contrario, dove il protagonista, Luca Migliorini, imprenditore maremmano di mezza età, si ritrova a dover reimparare molte delle cose che pensava di sé stesso, trovandosi presto a ponderare che tipo di persona sia veramente. Ci troviamo a Grosseto e dintorni, nella Maremma così cara all’autore Otello Marcacci, già recensito qui su Lankenauta per i suoi...CONTINUA...

Morazzoni Marta

Il rovescio dell’abito

"Voglio essere un'opera d'arte vivente", affermò Luisa Casati Stampa. E così fu. Volle divenire, e divenne, una figura iconica, ispiratrice nel mondo della moda, dell'arte, del cinema. Venne adorata, criticata, ritratta ed emulata, ma nessun altro è stato mai in grado di essere all'altezza della sua eccentricità, dei suoi eccessi e della sua spavalda ed estrosa essenza. "Il rovescio dell'abito" è il racconto, ben scritto e ben congegnato, di un'esistenza...CONTINUA...

Sceresini Andrea, Giroffi Lorenzo

Ucraina. La guerra che non c’era

“Ucraina. La guerra che non c'era” altro non è che la tempestiva ristampa del precedente “Ucraina. La guerra che non c’è”, arricchita da un’intelligente prefazione. La cronaca di Sceresini e Giroffi, anche se fa riferimento al 2014, risulta infatti di questi tempi più che mai necessaria avendo in mente quanto scrivono i due autori verso la conclusione del loro libro: “All’improvviso vieni avvicinato da decine di persone che non hanno mai messo piede nel Donbass ma che, nel calduccio delle proprie case, si sono fatte un’idea ben precisa di quello che sta succedendo. Hanno deciso già tutto: chi ha...CONTINUA...

Kremo B. Lukha

Chthulupunk

Siamo abituati a conoscere Lukha B. Kremo come abile tessitore di argute storie fantascientifiche, fra l’apocalittico ironico di “Transhuman Express” e la critica sociale distopica di “Pulphagus”, romanzo con cui ha vinto il più prestigioso Premio riservato alla Fantascienza in Italia, il Premio Urania; o ancora lo ricordiamo come inventore, con Raskal, del realismo...CONTINUA...

Cossu Silvia

Il confine

“Mosco comincia a muoversi sul confine scivoloso che separa la manipolazione dalla cura, la persuasione dalla terapia […] Non so chi Mosco sia stato in realtà, né cosa abbia io provato per lui. Di sicuro si è posto sempre sul confine che separa la ragione dalla fede, la prevaricazione dalla realtà, percorrendo uno spazio così poco esplorato da apparire quasi eversivo” (pp.66; 154). La parola “confine” viene citata poche volte, ma già leggendo queste frasi tratte dal romanzo di Silvia Cossu ci possiamo...CONTINUA...

Dentello Crocifisso

Tuamore

Ho sempre ritenuto che scrivere aiuti a esorcizzare tutto. Anche la morte. Soprattutto la morte. Scrivere per chi non c'è più o scrivere di chi non c'è più è la forma di consolazione più vicina all'accettazione dell'inaccettabile. Scrivere restituisce vita ai frammenti di quel che è stato e aiuta a rendere i ricordi più saldi, più brillanti, più intimi. Le parole, il racconto, le immagini di quanto è stato vissuto ed è irrimediabilmente perso diventano prima abisso e poi, lentamente, anche riparo...CONTINUA...

Di Matteo Nino, Lodato Saverio

I nemici della giustizia

“I nemici della giustizia. Magistratura, politica, economia: chi non vuole una giustizia uguale per tutti”, pubblicato in forma di intervista di Saverio Lodato al pubblico ministero Nino Di Matteo,  rappresenta una sorta di controcanto rispetto “Il sistema” di Alessandro Sallusti e Luca Palamara. Ma se il libro – confessione dell’ex magistrato, adesso sotto processo per diversi reati, tra cui corruzione per un atto contrario ai doveri d'ufficio e corruzione in atti giudiziari -, è diventato, da parte dei nostri “garantisti”,  uno strumento per infamare l’intero sistema giudiziario italiano, Nino...CONTINUA...