Ishida Hiroyasu

Penguin Highway

Pubblicato il: 25 Maggio 2020

Provate a immaginare se un giorno, nella periferia della vostra città, dovesse comparire all’improvviso un cospicuo numero di pinguini, i quali si ritrovassero a vagare distrattamente, senza meta apparente, tra il traffico della zona, i parchi, i marciapiedi, gli anfratti, le vie e i viottoli di quello è il vostro consueto habitat naturale. Per poi dileguarsi, senza lasciar traccia. Certamente lo stupore sarebbe enorme. Lo stupore nei bambini – i primi ad avvistare i graziosi uccelli acquatici – fa rima con curiosità, propensione all’indagine, alla scoperta, alla meraviglia. Bambini e pinguini sono gli assoluti protagonisti di Penguin Highway, adattamento animato del romanzo omonimo di Tomihiko Morimi del 2010, opera prima di Hiroyasu Ishida, che per questo suo lungometraggio d’esordio ha vinto il premio Satoshi Kon del Fantasia International film Festival di Montreal.

Siamo naturalmente in Giappone. Protagonista della vicenda è Aoyama, bambino che frequenta solo la quarta elementare ma conosce talmente tante cose da non avere nulla da invidiare a un adulto. Come ci riesce? Prende sempre molti appunti dettagliati e legge un sacco di libri. Un giorno, nella periferia della sua città, iniziano ad apparire tanto all’improvviso quanto inspiegabilmente dei pinguini, che poi spariscono senza lasciare alcuna traccia. Ma il piccolo ricercatore, grazie alla sua dedizione e all’aiuto di due compagni di classe, capisce che la strana vicenda è collegata a una sorprendente capacità segreta della ragazza che lavora alla clinica odontoiatrica cittadina e che lui chiama affettuosamente “sorellona”. Ad accrescere i dubbi e lo stupore del giovane protagonista sarà anche un evento straordinario, tutt’altro che naturale, che sembra essere legato all’improvvisa apparizione dei pinguini e al potere della ragazza. Aoyama decide allora di acquisire nuove prove per svelare l’intricato mistero. Ciò che scoprirà sarà qualcosa che supera ogni sua possibile immaginazione.

Leeds International Film Festival - Penguin Highway - The Reviews Hub

Vola alta la fantasia generatrice sulle ali della fanciullezza, per sua natura incline all’indagine dell’irrazionale; tanto più irrazionale quanto più ignoto, misterioso e propedeutico a innescare nell’animo ancora parzialmente incontaminato, nonostante le innumerevoli informazioni che oggi arrivano anche a questa età, quel senso di epifania che un adulto può solo ricordare con vaga, quanto irrinunciabile nostalgia. E Penguin Highway potrebbe essere davvero tutto qui e sarebbe senz’altro sufficiente a renderci lieto il prosieguo della giornata, ma l’opera d’esordio dell’ottimo Ishida va ben oltre la semplice appartenenza al genere, per incontrare tematiche che strizzano l’occhio ad un pubblico certamente più adulto rispetto a quello dei coetanei del protagonista di questa storia. Per quanto l’opera possa avere un suo naturale target di riferimento, sorprende decisamente il modo in cui è ben caratterizzato il piccolo Aoyama, il quale nonostante in principio possa dare l’impressione di essere saccente, pieno di sé e poco incline al confronto con i pari età, si rivelerà al contrario, man mano che la storia sviluppa i motivi essenziali, un bambino sensibile, aperto al confronto, allo stesso tempo responsabile e avventato quanto basta per superare ciò che la ragione non aiuta a comprendere. Fino ad accettare anche il sopraggiungere del dubbio, la gioia della condivisione, l’aiuto dell’altro, il senso di vuoto dovuto alla perdita di chi si ama. Il tutto all’interno di una storia bizzarra, agile nella sua struttura e lieve come può esserlo un vento di primavera, ma profonda quanto basta per far emergere dal contesto surreale suggestioni di una certa complessità e sentimenti che reali lo sono più che mai. Sentimenti che non hanno tempo né età, né tantomeno un confine tematico entro cui debbano essere necessariamente circoscritti.

ZOATROPIA] Penguin Highway (2018) | E=Penguin | Wise Cafè

Tra Sci-Fi e racconto di formazione, la vicenda si sviluppa attraverso le riflessioni, i dubbi, le scoperte e le prese di coscienza del piccolo Aoyama, e incentra i suoi sui motivi più intimi ed esistenziali sul rapporto tra il bambino e la sorellona, alternando sapientemente serio e faceto, e poggiando tutto ciò su dialoghi non banali, soprattutto considerando il gap dovuto alla differenza d’età tra i due personaggi principali. “Quando si va lontanissimo si finisce per arrivare al punto di partenza”, dice la sorellona ad Aoyama, circa a metà della pellicola. Penguin Highway evidenzia più volte questa circolarità, sia narrativa che “filosofica”, se così la si può definire, questo tornare al punto di partenza dopo un lungo percorso, che sia reale o ideale non importa. Quello che l’opera ci tiene in effetti a rimarcare è che ciò che conta è il percorso, rispetto all’approdo. Evidente il richiamo ai fondamenti della dottrina shintoista, e più in generale a una ciclicità della vita che permea da secoli la cultura giapponese e larga parte delle filosofie estremo orientali. A differenza di Weathering with you, del pur bravo Makoto Shinkai, qui il richiamo alla dottrina tradizionale nipponica non è un puro pretesto per giustificare l’elemento fantastico, ma ha una precisa valenza narrativa, a partire proprio dall’apparizione dei pinguini. Molto più in linea con il cinema di Hayao Miyazaki, da questo peculiare punto vista, l’opera di Ishida attinge al culto animista e alla dimensione che trascende la realtà non tanto per indagare la dimensione stessa o spiegarne l’improvvisa comparsa, quanto per dimostrare che i sentimenti umani restano tali anche di fronte al mistero più insondabile. “Il mondo diventa sempre più assurdo. Dici che è un problema?” Chiede in un momento non semplice, ma con fare quasi divertito, la sorellona a Aoyama. È una domanda meno retorica e banale di ciò che in apparenza può sembrare e prelude al pirotecnico finale, nel quale scopriremo che la via dei pinguini non è altro che un tragitto per entrare in contatto con una dimensione parallela (quelle tipiche dei romanze di Haruki Murakami, per intenderci) che gli esseri umani, in particolari circostanze, hanno la possibilità di attraversare.

Penguin Highway, svelato un nuovo trailer e poster del film ...

La pellicola si avvale di un apparato tecnico di buonissimo livello che poggia su animazioni piacevoli, pur non essendo originalissime, su una solida regia e su un supporto sonoro adeguato. Da un’idea buffa e stravagante, ne deriva dunque un film animato che si eleva decisamente oltre la media di genere, dando l’opportunità a Ishida, utilizzando al meglio il testo di Tomihiko Morimi, di mostrare in modo riconoscibile, già da questo primo lungometraggio, la sua personale poetica cinematografica, la quale sembra dichiarare i suoi debiti nei confronti dell’opera del compianto maestro Satoshi  Kon, (Tokyo Godfathers e Paprika) e di quella, più recente, di un altro grande regista come Mamoru Hosoda (Wolf children, The Boy and the Beast, Mirai).

Penguin Highway è un anime certamente da vedere, forte di una storia che coinvolge più per come innesta i motivi sentimentali in una dinamica buffa e surreale che per la sua cornice fantasy. Si concentra sui personaggi, evitando volutamente le spiegazioni su tutto ciò che di straordinario avviene, e chiude su note malinconiche, non negando agli spettatori quel filo di commozione che dà sostanza ai sentimenti che emergono nell’agrodolce epilogo.

Federico Magi, maggio 2020.

Edizione esaminata e brevi note

Regia: Hiroyasu Ishida. Soggetto: tratto dal romanzo omonimo di Tomihiko Morimi. Sceneggiatura: Makoto Ueda. Character design: Yojiro Arai. Musica: Umitarou Abe. Produzione: Sudio Colorido. Distribuzione: Nexo Digital. Titolo originale: “Pengin haiwei”.  Origine: Giappone, 2018. Durata: 117 minuti.