Ferrarotti Franco

Il Viaggiatore Sedentario

Pubblicato il: 7 febbraio 2018

Un libricino da poco più di cento pagine, dal titolo accattivante e dalla sinossi promettente. Chi s’interessa dei fenomeni sociali contemporanei ne sarà sicuramente attratto, gli altri magari lo prenderanno almeno in mano.

Attenzione però, già dalle prime pagine si capisce che si tratta di un’opera dedicata soprattutto agli “addetti ai lavori” e per quanto appunto le pagine siano materialmente poche, non è certo una lettura da fare con la mente leggera o assente.

L’autore, Franco Ferrarotti, è un noto professore emerito di sociologia, praticamente un decano della materia che ora, da ultranovantenne, lancia il suo sguardo sulla nostra società con l’ampiezza che solo chi ha vissuto tanti decenni come lui può dare. Non manca però una certa dose di autoreferenzialità, per quanto un accademico di questa statura ne abbia certo diritto.

L’analisi in sé è certamente interessante e in sedici brevi capitoli Ferrarotti ci porta a spasso per la storia, chiamando in causa alcuni dei maggiori filosofi per arrivare alla conclusione che la società attuale è certamente più connessa ma molto più fragile, “si comunica «a». Non si comunica più «con».”

Nell’ultima pagina spiega come nell’antica Atene, agli uomini del Parlamento non era consentito prendere appunti ma solo di parlare a braccio perché si preferiva la sincerità più diretta, “verba manent, scripta volant”, forse un paradosso a cui siamo arrivati anche oggi dove i politici comunicano via Twitter e via Facebook e le fonti scritte a nostra disposizione sono talmente tante che badiamo più a quelle che ci arrivano tramite l’orecchio piuttosto che tramite gli occhi.

In generale si tratta di un libricino interessante, da leggere però con molta concentrazione. Lo consiglio ai sociologi e a chi ha voglia di rispolverare un po’ di concetti studiati durante le ore di filosofia al liceo.

Edizione esaminata e brevi note

Franco Ferrarotti, professore emerito di Sociologia all’Università di Roma La Sapienza e direttore della rivista La Critica Sociologica, è stato deputato indipendente al Parlamento italiano dal 1958 al 1963.

Franco Ferrarotti, “Il Viaggiatore Sedentario: Internet e La Società Irretita”, EDB Editore, Bologna, 2018.