Anglada Maria Àngels

Il violino di Auschwitz

Pubblicato il: 13 agosto 2012

Leggendo “Il violino di Auschwitz” mi sono tornate alla mente alcune scene del film “Il servo ungherese” di Giorgio Molteni e Massimo Piesco. Mi riferisco alle sequenze che mostrano un gruppo di deportati costretti a suonare per il diletto dell’ufficiale SS che controlla il campo di sterminio in cui sono rinchiusi. Uomini ridotti allo stremo eppure indotti a riprendere in mano strumenti musicali abbandonati da tempo e a suonarli perché il loro aguzzino vuole divertirsi ascoltando della musica. Il violinista Bronislaw, uno dei personaggi del libro della Anglada, deve fare lo stesso. Ma quando il musicista esegue il suo pezzo al cospetto di Sauckele del suo amico, lo spietato dottor Rascher, si accorge che il suono non è limpido e perfetto come dovrebbe. Ed è in quel frangente che nella sala della lussuosa abitazione dello Sturmbannführer compare il falegname Daniel chiamato lì per riparare una porta ed attratto dal suono della musica. “Quale strano coraggio lo aveva spinto a entrare nel salone? Le luci, l’odore delle buone pietanze, la paura e il tanfo delle sigarette furono sul punto di stordirlo. Si fermò un momento; si rese subito conto del problema: il violino, la faccia bianca di terrore di Bronislaw, un giovane stimato solista che conosceva molto bene, il dito minaccioso di Sauckel, la smorfia di piacere di Rascher. Nonostante tutto, non indietreggiò. No, non avrebbe consentito loro un divertimento crudele. Si mise sull’attenti, salutò e con un fil di voce: – Non è colpa sua, signore. Il violino ha una fessura nella tavola armonica. Io la posso riparare“.

Daniel è un ebreo di Cracovia, prigioniero del Dreiflüsselager, il Campo dei Tre Fiumi, uno dei campi satelliti di Auschwitz. E’ un giovane e bravissimo liutaio ma nel campo è obbligato a lavorare prevalentemente come falegname. Vivere nel Dreiflüsselager non è semplice: “Gli sembrava che tutti, persino Jahvè, l’avessero abbandonato nelle mani di un odio per lui incomprensibile. […] All’inizio della tirannia, si era messo la stella gialla di David senza pensare che fosse un segnale di morte, come si segnano i pini per la scure, e di fatto non si era svegliato nella nuova e brutale realtà sino al terribile giorno in cui gli saccheggiarono il laboratorio – non molto lontano, bruciava la vecchia sinagoga del quartiere dove, da bambino, si era sentito sicuro fra le pieghe del tessuto del lungo taléd di suo padre, che molto spesso lo portava con sé alle feste“.

Dopo aver promesso di riparare il violino suonato da Bronislaw, a Daniel viene data solo una notte per rimettere in senso la tavola armonica dello strumento. “Se domani non sarà come piace a lui, cella con aggravanti e frustate all’entrata e all’uscita“. Daniel lavora con estrema attenzione: vuole fare un buon lavoro affinché le SS non puniscano né lui né il bravo musicista per una colpa che non ha. “Ma sapeva fin troppo bene che al Campo dei Tre Fiumi non regnava nessuna logica, peggio, nessuna compassione“. Bronislaw viene punito comunque. Intanto l’Untertsturmführer comunica a Daniel che deve costruire un violino, uno strumento impeccabile, perfetto come uno Stradivari. Così desidera Sauckel. Gli viene fornito tutto il materiale e gli arnesi necessari e il liutaio inizia il lungo, minuzioso e complesso lavoro che conosce così bene. Il violino diviene così per Daniel una parentesi straordinaria se non addirittura inconcepibile all’interno di un inferno come quello di un Lager. Ma presto il liutaio polacco scopre che dietro alla creazione del “suo” violino c’è una brutale e beffarda scommessa tra Sauckel e Rascher, una scommessa che, seppur fatta per gioco, potrebbe costargli la vita.

Se qualcuno volesse leggere “Il violino di Auschwitz” per conoscere gli orrori di un campo di sterminio sbaglierebbe lettura. E’ evidente che la Anglada non aveva intenzione di scrivere un libro-testimonianza sulla Shoah, pur essendosi ispirata a fatti realmente accaduti. Lo spazio riservato alle atrocità naziste è piuttosto limitato anche se, all’inizio di ogni capitolo, la scrittrice ha voluto riportare degli stralci tratti da documenti autentici che danno l’esatta percezione di quale fosse la ferocia e l’agghiacciante organizzazione della macchina di violenza e morte voluta da Hitler. Un esempio: “Punizione corporale: “Numero delle frustate: 5, 10, 15, 20, 25. Istruzioni: Prima di tutto, visita medica. Le frustate verranno eseguite con una frusta di cuoio e di seguito e saranno contate a una a una. E’ proibito spogliare o svestire alcune parti del corpo. La persona non sarà legata, ma dovrà sdraiarsi su una panca. Verrà frustata soltanto sui fianchi e sul culo.” Timbro: Ufficio di Amministrazione e di Economato delle SS (Wvha)“.

Il lavoro di Daniel all’interno del Dreiflüsselager si fa simbolo grazie all’alchimia letteraria. La costruzione del violino, infatti, riesce a restituire dignità ad un essere umano che è stato privato di tutto e ridotto allo stremo. L’autrice catalana ha saputo trasmettere, grazie ad una scrittura sicura ma delicata, l’incanto e la sacralità di un lavoro capace di generare bellezza in un luogo che è riduttivo definire infernale. La fabbricazione di un oggetto in grado di riprodurre musica ineguagliabile consente al liutaio di sottrarsi, seppur momentaneamente, al suo agghiacciante destino di soprusi e brutalità. Daniel riesce così ad astrarsi dalle brutture che lo circondano per riappropriarsi della sua arte e, nel contempo, della sua umanità. E la consapevolezza che la musica, la bellezza, l’armonia e la creatività possano aver conquistato spazio in un contesto dominato dal Male allo stato puro non può che rappresentare una speranza. Per Daniel, per Bronislaw e per chi ha la possibilità di avvicinarsi alla loro storia.

Edizione esaminata e brevi note

Maria Àngels Anglada è nata a Vic, in Catalogna, nel 1930. Ha studiato a Barcellona e lì si è laureata. Nel 1961 si è trasferita a Figueres dove ha vissuto fino alla sua morte avvenuta nel 1999. Ha sempre avuto una grande passione per la cultura e la letteratura classiche infatti ha tradotto diversi testi dal latino al catalano. E’ stata scrittrice, traduttrice e saggista. Il suo esordio, come narratrice, risale al 1978 con “Les Closes”, un romanzo che le ha consentito di conquistare il premio Josep Pla. Maria Àngels Anglada è stata anche una brava poetessa e un’autrice di libri per ragazzi. Tra le sue opere: “No em dic Laura” (1981); “Viola d’amore” (1983); “Artemisia” (1989); “La daurada Parmèlia i altres comtes” (1991); “L’agent del rei” (1991); “Il violino di Auschwitz” (1994); “Quadern d’Aram” e “Nit de 1911” (1999).

Maria Àngels Anglada, “Il violino di Auschwitz”, Editori Riuniti, Roma, 1997. Traduzione di Veronica Torres. Titolo originale: “El violí d’Auschwitz” (1994).

Da questo romanzo sarà tratto l’omonimo film per la Rich and Famous Overnight Films.

Pagine Internet su Maria Àngels Anglada: Wikipedia (cat) / Escriptors.cat