Categoria: saggistica-trattatistica

Lapucci Carlo

La Vecchia dei camini

Vita pubblica e segreta della Befana “La Befana vien di di notte con le scarpe tutte rotte, con le toppe alla sottana, viva viva la Befana”. Credo che tutti da bambini abbiamo aspettato, nella notte tra il 5 e il 6 gennaio il passaggio della Befana. Nel Veneto è una vecchietta col nasone e il viso bitorzoluto, vestita piuttosto male con ampie gonne e scarpacce, fazzoletto...CONTINUA...

Di Cesare Donatella

Se Auschwitz è nulla. Contro il negazionismo

Negare che le camere a gas siano mai esistite non è una semplice opinione. Così come non è una semplice opinione affermare che l'olocausto non ci sia mai stato. Confondere le opinioni e la libertà di espressione con la distorsione o la manipolazione di un fatto storico come la Shoah solo per difendere un'ideologia criminale è un errore pericolosissimo. Donatella Di Cesare, professoressa ordinaria di Filosofia teoretica alla Sapienza di Roma, attraverso il breve saggio "Se Auschwitz è nulla. Contro il negazionismo", pubblicato da Il Melangolo nel 2012, si addentra in una materia...CONTINUA...

Termini Emanuele

L’acqua alta e i denti del lupo

Josif Džugašvili a Venezia Venezia è notoriamente città di misteri e leggende e, in questo caso, la vicenda ha come protagonista un personaggio storico sinistramente noto. “Bepi del giasso”: i veneziani hanno sempre sentito questo soprannome, divenuto leggendario e proverbiale. “Varda che ‘riva Bepi del giasso!” Ma chi era questo fantomatico personaggio? Era Stalin in persona, il terribile e spietato dittatore. Si narra infatti che nella primavera del 1907...CONTINUA...

Ercolani Paolo

Figli di un io minore. Dalla società aperta alla società ottusa.

Il nostro tempo è segnato da una rivoluzione di portata epocale: la transizione dalla società aperta a una società ottusa, ovvero estranea alla ragione. Stupida, insomma. Che non tiene conto di quanto è essenziale all’uomo, ma si basa sui valori impersonali del profitto economico e del progresso tecnologico. Quindi, disumana. La nostra epoca è segnata dal culto dell’ignoranza: movimenti no vax, terrapiattisti, complottisti che negano l’allunaggio… derive ideologiche che raccolgono consensi sempre più estesi e che si basano su dati acquisiti su Internet, ossia...CONTINUA...

Butor Michel

Sei saggi e sei risposte su Proust e sul romanzo

Questa interessante raccolta di saggi di Michel Butor (Sei saggi e sei risposte su Proust e sul romanzo, pp. 190), disponibile al momento solo nell'edizione del 1977 di Pratiche Editrice (collana Le forme del discorso), si compone di cinque, significativi, interventi databili tra il 1960 e il 1974 dedicati dal poeta e romanziere francese all'analisi di alcuni...CONTINUA...

Todorov Tzvetan

La letteratura in pericolo

Se è vero che la letteratura può avere un ruolo essenziale nella nostra vita perché ci aiuta a conoscere noi stessi e quindi il mondo, dandoci la chiave per stabilire relazioni e interrogarci sui significati ultimi delle cose, ha ben ragione Todorov in questo agile saggio dal titolo La letteratura in pericolo (Garzanti, 2018) a...CONTINUA...

Valente Stefano

Breve storia dell’alchimia

Dagli albori al pensiero junghiano: una sintesi storica. Alchimia: una parola evocativa, che fa venire in mente misteriosi esperimenti, alambicchi, scienziati, negromanti, segreti, formule, laboratori ben nascosti. Il termine alchimia designa quell’insieme di teorie e discipline pratiche che si prefiggevano di ottenere la trasmutazione...CONTINUA...

Zanotelli Alex

Prima che gridino le pietre

Manifesto contro il nuovo razzismo Questo libro vuole confrontarsi con il razzismo e la xenofobia che ci stanno travolgendo. L‘Italia è diventata un paese razzista e ha dimenticato il proprio passato di emigrazione: è una desolante constatazione, un’evidenza lampante sulla quale padre Zanotelli invita ad aprire gli occhi senza ipocrisie. Padre Alex...CONTINUA...

Valenzuela Consuelo

Voglio cambiare il mondo. 18 donne che hanno segnato la storia

Le donne possono fare tutto, la differenza di genere non le discrimina rispetto all’operato degli uomini, anzi a volte la loro presunta inferiorità o debolezza o le difficoltà ad affermarsi in un universo maschile costituiscono uno stimolo in più per andare avanti. Questo sembra innanzi tutto dirci il libro della Valenzuela, suo secondo lavoro dopo CONTINUA...

Molinari Vito

Carosello… e poi tutti a nanna

È inevitabile. Per alcune generazioni come la mia e numerose altre, Carosello è indissolubilmente legato alla canonica frase del titolo di questo libro. La pronunciavano le mamme: Carosello era un segnale dopo il quale i bambini erano invitati, nonostante le loro proteste, ad andare a nanna. Chi è stato bambino negli anni tra il 1957 e il 1977 legge questo libro come una sorta di amarcord. Non si...CONTINUA...