Categoria: fantasy

López Guillem

Ventuno

Subito dopo la pubblicazione in lingua italiana di “Challenger” potevamo scrivere di un linguaggio che “di volta in volta ha a che fare con il noir, col fantastico, col pulp, con l’horror, con la critica sociale e con molto altro” e soprattutto di uno scrittore, Guillem López, che “ha connesso una molteplicità di generi letterari”. Anche dopo la lettura di “Ventuno”, nuovo romanzo pubblicato...CONTINUA...

Bellia Francesco

Auxarian

“Auxarian è il luogo in cui si ridesta la vita. Dove è possibile percepire nuove immagini. Dove la strada non si cerca a tentoni, ma è essa stessa che si mostra ai nostri occhi. Dove vivono donne dagli occhi bellissimi, così intensi che a molti non è stato permesso di raccontare; dove il cibo è d’oro, l’acqua d’argento e per vivere è necessario arrendersi ai sogni”.   Attraverso immagini limpide, ma al contempo dense ed evocative, il giovane letterato catanese Francesco Bellia ci introduce, già a partire dal prologo, nel mondo di Auxarian. Un universo che solo i sognatori possono...CONTINUA...

Lucca Comics & Games 2017

L’edizione 2017 di Lucca Comics & Games, dall’1 al 5 novembre, è dedicata agli Eroi: di carta dei fumetti e dei romanzi fantasy, di pixel dei videogiochi, di celluloide dei film e delle serie tv, ma soprattutto gli eroi in carne e ossa, i nostri spettatori, che si mettono in viaggio per creare ogni anno il più grande community event europeo. Un universo così grande e colorato, che a ogni edizione si ricrea e si...CONTINUA...

Gatto Monica

Mezzanima

mezzanima Si dice che l'infanzia sia la culla della fantasia: è la verità. E quando il magico regno delle fiabe riesce a rivivere in un adulto, allora nasce un artista. Nonostante la giovane età Monica Gatto ha già dimostrato di possedere buone doti creative, come attestano le due opere che è riuscita a realizzare a soli sedici anni: la saga di Mezzanima (composta da "L'ultima luna" e "Luna d'inchiostro") ci parla di un mondo meraviglioso, lontano dal tempo e dallo spazio della nostra realtà e perfettamente in grado di risvegliare il...CONTINUA...

Barbery Muriel

Vita degli elfi

Vita degli elfi non si sa dove metterlo. Non mettiamolo da nessuna parte. Mettiamocelo in testa. Partendo da questo presupposto saltiamo tutta quella parte in cui cerchiamo senza successo di decidere se è o no un fantasy, se è o no bello come i precedenti dell’autrice (capolavori o delusioni che siano), se è o no più realistico che onirico. Più che altro perché non ce ne frega niente a conti fatti. L’unico dualismo che interessa, in base alle mie convinzioni di lettrice, è quello che sta dentro...CONTINUA...

Abercrombie Joe

Il richiamo delle spade

Ha fatto proprio bene la Gargoyle a pubblicare “Il richiamo delle spade”, primo volume della First Law Trilogy di Joe Abercrombie – diciamo pure un’operazione editoriale azzeccata – non fosse altro che la lettura di “The Heroes”, romanzo “stand-alone” che seguiva la trilogia, aveva lasciato molti di noi incuriositi sulle vicende legate a questa modernissima cosmogonia epic-fantasy. E’ stato lo stesso autore ad ammettere di non aver voluto troppo specificare la cronologia e la geografia dei luoghi del romanzo, lasciando così al lettore piena libertà di interpretazione e magari di darne una lettura...CONTINUA...

Abercrombie Joe

The Heroes

A scanso di equivoci è bene precisare da subito che gli “heroes” del titolo non sono gli “eroi” protagonisti in carne e ossa del romanzo, che invece non hanno proprio nulla di ammirevole e appunto di eroico, ma una collina così chiamata dagli Uomini del Nord, dalla quale si ha una visuale strategica e caratterizzata da enormi lastre di roccia. Un titolo che a pensarci bene ha qualcosa di sarcastico per un’opera che è stata catalogata nel genere “fantasy”, ma che ha davvero poco a che vedere con Tolkien od altri grandi autori creatori di universi paralleli e visioni soprannaturali. Parlare di un...CONTINUA...

Abercrombie Joe

Red Country

“Poi, alzando furbescamente lo sguardo, aggiunse: Sembra che questa sia una giornata di ricongiungimenti” (pag. 409). Così si rivolge il mercenario Nicomo Cosca ad un sindaco donna, ormai un po’ avanti negli anni, e che molti lettori di Joe Abercrombie potranno intuire aver molto a che fare con una letale avventuriera incontrata nella trilogia della “Prima Legge” e in “Il sapore della vendetta”. Vecchie conoscenze che in un romanzo “stand alone” come “Red Country”, abbondano e che non sempre sono rese esplicite. Proprio per questo motivo la presenza di questi personaggi redivivi, moribondi oppure...CONTINUA...

Abercrombie Joe

Non prima che siano impiccati

“Non prima che siano impiccati” ci è apparso subito un titolo un po’ anomalo per un romanzo epic-fantasy, privo di suggestioni sia“epic” che “fantasy”. Non sappiamo perché sia stata scelta proprio la citazione tratta da Heinrich Heine, “Ognuno dovrebbe perdonare i propri nemici, ma non prima che siano impiccati”, in testa alla prima parte del romanzo (da qui il titolo), ma a pensarci un attimo, soprattutto se già lettori del primo volume della trilogia “La prima legge”, certo sarcasmo risulta in sintonia con lo stile di Joe Abercrombie e soprattutto con la rappresentazione dei tanti personaggi...CONTINUA...

Abercrombie Joe

L’ultima ragione dei re. Ultima ratio regum

Al termine di “Non prima che siano impiccati”, secondo volume della trilogia “La prima legge”, avevamo lasciato Jezal, Bayaz, Ferro, e gli altri esploratori alla ricerca del “seme”, ormai di ritorno dai confini del mondo circolare. Ugualmente interlocutoria la situazione degli altri personaggi, reduci da vicende altrettanto se non più sanguinose. Adesso, come in ogni trilogia che si rispetti, Abercrombie, nel suo “L’ultima ragione dei re”, riprende il filo interrotto e ci ripropone, senza operare troppe premesse, i suoi cinici e tormentati eroi alle prese con situazioni ancor più sorprendenti,...CONTINUA...