Categoria: letteratura australiana

Forster Robert

Grant & io. Dentro e fuori i Go-Betweens

Sono trascorsi ormai tre anni dalla prima edizione australiana di “Grant & I”, qualche mese da quella italiana per i tipi di Jimenez, e giustamente gli interventi critici e le segnalazioni del libro di Robert Forster – ormai a tutti gli effetti giornalista e critico musicale - per lo più contengono la parola “memoir”, non biografia o autobiografia: le pagine di “Grant & io” (una “e commerciale”...CONTINUA...

Stove David Charles

Gli errori della benevolenza

David Charles Stove in gioventù ha professato idee marxiste e, come capita a molti ex, in età matura non soltanto ha rinnegato l’antico credo ma, quasi a voler sostituire fede a fede, è diventato un conservatore radicale, senza se e senza ma. Ce ne possiamo rendere conto nel leggere “Gli errori della benevolenza”, un agile e urticante pamphlet pubblicato per la prima volta nel 1989, proprio all’indomani della caduta del muro di Berlino. Con questa sua opera il filosofo australiano, nelle vesti di storico delle idee, come ha scritto molto bene Marco Filoni in prefazione, ha inteso “studiare e condannare...CONTINUA...

Hodgman Helen

Tasmania Blues

Prendo informazioni direttamente da Wikipedia: "La Tasmania si trova a sud-est del continente [australiano], da cui la separa lo Stretto di Bass. Prende il nome da Abel Tasman, che la scoprì nel 1642; Tasman l'aveva battezzata invece Terra di Van Diemen (dal nome del finanziatore della sua spedizione - nome che rimase in uso fino al 1856). L'isola ha una superficie di 64.410 km², ed è pertanto la 26-esima isola del pianeta". E poi: "I primi ad abitare la Tasmania furono gli CONTINUA...

Zusak Markus

La bambina che salvava i libri

"Sarà forse onesto dire che, in tutti gli anni del dominio di Hitler, nessuno servì il Führer lealmente quanto me. Un essere umano non ha un cuore come il mio. Il cuore dell'uomo è una linea, il mio un cerchio. Io, inoltre, ho un'illimitata capacità di essere al posto giusto nel momento giusto. La conseguenza è che negli uomini trovo sempre il meglio e il peggio: vedo la loro bruttezza e la loro bellezza, e mi domando come la medesima cosa possa essere entrambe. Eppure, hanno la sola cosa che invidio: se non altro, gli uomini hanno il buon senso di morire". Una voce narrante come questa...CONTINUA...